La sala travaglio e parto del Centro Nascita dell'Ospedale Sant'Anna di Torino
La sala travaglio e parto del Centro Nascita dell’Ospedale Sant’Anna di Torino

Ho da pochissimo partorito la mia seconda bambina. Alla luce del parto facile e veloce che ho avuto con il primo figlio, affrontato in sala parto con la sola cura di una meravigliosa ostetrica, per l’arrivo di Erica ho da subito deciso di affidarmi alle cure delle ostetriche del Centro Nascita dell’Ospedale Sant’Anna di Torino per riuscire ad avere di nuovo un parto il più possibile naturale.

Ma andiamo per ordine.

Cosa si intende per “parto naturale”?

Il parto naturale è semplicemente il partorire come la natura decide. Non è una “scelta estrema” né tantomeno “freak”. Nessuno parla di “mestruazioni naturali” o “menopausa naturale”, giusto? Sono eventi che la natura decide e organizza per noi donne nel nostro corpo senza che noi possiamo averne il controllo, ma solo la consapevolezza.
Il parto naturale è esattamente la stessa cosa. È un evento che il nostro corpo gestisce in autonomia e nella più completa capacità di farlo: la donna deve solo conoscere la fisiologia del suo corpo, capire cosa succede e non esserne spaventata. Esattamente come quando arriva la prima mestruazione.

Allattamento subito dopo il parto
Allattamento subito dopo il parto

Purtroppo negli ultimi tempi parlare di parto naturale fa subito pensare a un parto “fuori dagli schemi”, fuori dalle mura di un ospedale, con criteri non medicalizzati e poco raccomandabili.


Partorire naturalmente significa invece solo seguire la fisiologia del proprio corpo, ovvero aspettare l’insorgenza del travaglio spontaneo senza accelerarlo con manovre esterne, affrontare il dolore del travaglio con movimenti, massaggi e posizioni che agevolino la donna senza intervenire con anelgesia peridurale, passare alla fase esplusiva seguendo quello che il corpo dice (quindi assecondare le spinte da seduta o carponi o in piedi, secondo quanto il corpo della donna sente migliore per sé in quel momento).

Partorire naturalmente significa anche scegliere di poter stare da subito 24 ore su 24 con il proprio bambino: averlo fin dai primi istanti sul proprio petto, provare a allattarlo nei primi minuti dopo il parto, tenerlo vicino e riscaldarlo con il proprio corpo. Significa scegliere di non farlo allontanare per le consuete visite mediche di controllo, ma far venire il pediatra direttamente in reparto dal bambino e dalla madre, in modo che insieme possano verificare la salute del piccolo (ma, attenzione, partorire a un Centro Nascita come quello del Sant’Anna di Torino significa aver a disposizione uno dei reparti di neonatologia più avanzati in Italia, pronto a intervenire al minimo segnale di qualcosa che non vada per il verso giusto).

È anche vero che oggi ormai, troppo spesso, chi vuole partorire naturalmente si crea “pensieri artificiali” forse più numerosi di chi decide fin da subito di avere un cesareo. Pare infatti che il parto sia naturale solo se si riesce a partorire in casa o in una vasca di acqua di fonte con musica di sottofondo, luce soffusa, aromi provenienti dalla natura e chi più ne ha più ne metta.

E invece, ripeto, si può benissimo partorire naturalmente anche in una sala parto di un comune ospedale. Quando si è sole con un’ostetrica che guida il tuo travaglio fino alla fase espulsiva quello è un parto naturale. Magari puoi essere circondata da macchinari super sofisticati per un’ecografia 3D ma se partorisci senza interventi esterni al tuo corpo hai partorito in modo naturale.

Ma allora che cos’è un Centro Nascita e perché scegliere di partorire lì?

L’American Association of Birth Centers definisce come il Centro Nascita come un centro, dall’ambiente familiare, in cui viene fornita

Una delle camere per la degenza del Centro Nascita dell'Ospedale Sant'Anna di Torino
Una delle camere per la degenza del Centro Nascita dell’Ospedale Sant’Anna di Torino

assistenza ostetrica e neonatale a donne sane con gravidanza a basso rischio. Si abbina la sicurezza della nascita a un ambiente altamente specializzato, con il recupero della dimensione naturale della nascita in ambiente familiare. In poche parole si sceglie di partorire seguendo la fisiologia del proprio corpo evitando il più possibile tecniche invasive di induzione al parto, cesarei, si sceglie di affrontare il dolore con metodi naturali senza ricorrere all’analgesia peridurale ma si affronta il tutto all’interno di una struttura ospedaliera specializzata: questo consente, alla prima difficoltà o problematica che si riscontri durante il travaglio, di venire trasferiti immediatamente nei reparti medicalizzati per far fronte ad ogni problema in modo tempestivo. Quindi si sceglie di partorire a un Centro Nascita ma non è detto che ci si riesca: durante il travaglio o la fase espulsiva possono sopraggiungere imprevisti che necessitano un cesareo o manovre altre che permettano di salvaguardare la vita del bambino e della mamma.

Il Centro Nascita segue la mamma durante tutta la gravidanza seguendo i protocolli dell’OMS  e scandendo visite, esami e ecografie proprio come indicato nell’Agenda di Gravidanza. Allo scadere del termine (37 settimane) viene fornito il numero di reperibilità a cui poter chiamare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per qualsiasi dubbio o le prime avvisaglie di travaglio che la mamma avverte. Una volta iniziato il travaglio si viene direttamente al Centro, senza passare dal Pronto Soccorso e si è accolte dalle ostetriche che accompagnano il travaglio e il parto con la cura che nemmeno una madre riuscirebbe a mettere.

La sala travaglio e parto del Centro Nascita dell'Ospedale Sant'Anna di Torino
La sala travaglio e parto del Centro Nascita dell’Ospedale Sant’Anna di Torino

Il bello del Centro Nascita non è solo la cura e l’attenzione con la quale la donna è seguita durante gravidanza, travaglio e parto, ma forse e soprattutto, la pazienza con la quale madre e bambino sono seguiti dopo la nascita. Le ostetriche, grazie anche al numero ridotto di letti per la degenza (a Torino sono cinque letti in tutto) riescono ogni giorno a passare molto tempo con le mamme e i loro bambini, sia per effettuare i controlli di routine, sia per seguire l’avvio dell’allattamento e facilitare la madre in ogni modo, sia per aiutare e insegnare le prime tecniche di accudimento del neonato (cambio pannolino, bagnetto, cura del cordone ombelicale) e sopratutto sono lì per parlare. Parlare e far parlare le mamme, affrontare con loro dubbi, paure e gioie dell’essere diventate madri. Al Centro Nascita si impara a diventare mamme mentre si scherza insieme, si ride, si bevono tisane e si ascolta la musica. Si fa amicizia con le vicine di letto e si condividono paure e imprevisti delle prime notti insieme con i piccoli.

Primo incontro tra fratelli!
Primo incontro tra fratelli!

Inoltre il Centro è aperto 24 ore su 24 ai papà e a eventuali fratellini e sorelline: i papà possono dormire vicino alle mamme su comode brandine (non è mai troppo presto per il co sleeping!) e i bimbi più grandi troveranno spazi studiati per loro pieni di giochi, pennarelli, fogli da disegno. In questo modo il nuovo arrivato sarà accolto in un’atmosfera familiare fin da subito e quando, dopo 48 ore, entrerà in casa, sia lui che gli altri fratellini si saranno già abituati alla nuova situazione. O almeno avranno “fatto pratica”.

Centro Nascita è…?

Se dovessi riassumere in una sola parola l’esperienza di essere seguita in gravidanza e parto da un Centro Nascita e in particolare da quello dell’Ospedale Sant’Anna di Torino, sceglierei CONSAPEVOLEZZA. Quello che le ostetriche che mi hanno seguito mi hanno regalato a ogni visita e durante la degenza è stata tantissima tranquillità dovuta alla conoscenza del mio corpo che mi hanno trasmesso e alla consapevolezza che mi hanno saputo infondere su quanto il mio corpo fosse in grado di fare.

Conoscere come funziona il corpo femminile durante gravidanza, travaglio e parto, sapere che il processo è regolato dalla natura come ogni altro processo del nostro corpo, scoprire come riconoscere segnali e come interpretarli mi ha aiutato a non avere paura di niente. Anzi, sembrerà un paradosso per chi ha partorito e conosce il dolore del travaglio, ma dopo ogni visita che facevo al Centro Nascita mi veniva voglia di partorire e dopo aver sperimentato il parto e la degenza avevo voglia di fare subito un altro bambino per essere coccolata ancora un po’!

Ho vissuto i mesi di gravidanza (pur essendo stati un po’ problematici) con l’appoggio di ostetriche meravigliose che mi hanno sempre rassicurato su tutto.  Mi sono sentita finalmente una “donna tra donne” e mai una paziente in cura per qualcosa, mi sono scoperta consapevole e padrona del mio essere femmina, orgogliosa della ricchezza e dei doni meravigliosi che la natura femminile ci dona.

E per questo ringrazio tutte le ostetriche che ho incontrato sul mio percorso e anche quelle che non ho incontrato, ringrazio le operatrici sanitarie, le infermiere e le OS, perché per rendere così intenso e piacevole il Centro Nascita c’è bisogno della collaborazione, dei sorrisi e della professionalità di tutti quanti vi lavorano. Grazie quindi a Lucrezia, Maria, Cinzia, Debora, Silvia, Daniela, Daniele, Lorella e a tutte coloro di cui, purtroppo, non ricordo i nomi. Fate uno splendido lavoro e siete una squadra bellissima: continuate così!

 

Parto naturale: perché ho scelto di partorire in un Centro Nascita.
Tags:                 

32 pensieri su “Parto naturale: perché ho scelto di partorire in un Centro Nascita.

  • 16 febbraio 2017 alle 19:49
    Permalink

    Bellissimo articolo, concordo su tutta la linea. Anche per me è stata una esperienza di crescita emotiva e personale partorire al Centro Nascita, ed è stata intensa e particolare anche per chi ha accompagnato il mio percorso di degenza, come mia madre e il mio compagno. Mi unisco ai ringraziamenti alle nostre ostetriche magiche 😉

    Rispondi
  • 16 febbraio 2017 alle 21:33
    Permalink

    Ciao Valentina, grazie della tua bellissima testimonianza! Io dovrei partorire a fine marzo e avevo appunto sentito parlare del Centro nascita. Io sono già seguita dal Sant’Anna per il diabete, infatti per il primo figlio ero nel settore media intensità. Che tu sappia, nonostante il diabete ed un precedente parto faticoso con peridurale, sarà possibile prevedere il parto lì? Ci sono dei contatti a cui posso far riferimento? Ti ringrazio! Silvia

    Rispondi
    • 17 febbraio 2017 alle 9:04
      Permalink

      Ciao Silvia, il Centro Nascita segue le gravidanze fisiologiche a basso rischio e quindi non so se con il problema del diabete possono seguirti. Ma ti conviene andare a chiedere: io avevo problemi alla tiroide e mi hanno seguito lo stesso. Però fai presto perché fine marzo arriva prestissimo!!!
      Ecco il numero dove chiamare (lascia un messaggio in segreteria e ti richiamano): 011 3134733. La responsabile del Centro è l’ostetrica Lucrezia D’Antuono.
      Però ti conviene forse andare subito di persona almeno velocizzi il tutto. C’è sempre qualcuno quindi vai ti è comodo!
      A presto!

      Rispondi
      • 17 febbraio 2017 alle 15:45
        Permalink

        Grazie Valentina! Andrò giusto martedì a fare il controllo del diabete, magari ne approfitto e provo a passare. Sei stata gentile. In bocca al lupo per la nuova avventura in 4!

        Rispondi
  • 8 aprile 2017 alle 16:48
    Permalink

    Ciao Valentina grazie per la tua testimonianza. Se è quando arriverà un fratellino mi piacerebbe che questo avvenisse al Centro Nascita. Questo perché con il primo figlio il parto é stato tutt’altro che naturale purtroppo. Dopo una gravidanza super fisiologica e senza il minimo disturbo, arrivata 3 giorni oltre il termine é iniziato il travaglio. Io mi ero preparata anche con letture sul tema ad un parto totalmente secondo natura ma…. Mi hanno ricoverata nel reparto media intensità del s Anna perché solo lì c’era un posto disponibile, hanno applicato il protocollo di quel reparto e mi hanno fatto di tutto! ossitocina x accelerare il travaglio, 14 ore in sala parto attaccata al tracciato, manovra di Kristeller ed episiotomia per concludere! Alla faccia del parto naturale….
    La prossima volta proverò senz’altro al centro nascite nella speranza di un parto molto più fisiologico

    Rispondi
    • 10 aprile 2017 alle 10:36
      Permalink

      Provalo assolutamente Elisa. È un modo totalmente diverso di partorire. Naturale e stupendo. E… semplice. Sì, semplice e facile. Proprio come vuole la natura.
      In bocca al lupo!

      Rispondi
      • 1 settembre 2017 alle 18:12
        Permalink

        Ciao Valentina, volevo chiederti per caso tu eri seguita dagli internisti del sant’anna per il problema alla tiroide? perchè io sono seguita anche da loro per un problema di tachicardia anemica e non vorrei che non mi segue il centro nascita per questo motivo. Grazie

        Rispondi
        • 1 settembre 2017 alle 21:39
          Permalink

          Ciao, no, non ero io. Io avevo e ho una tiroidite che mi costringe a assumere Eutirox ogni giorno e quindi dovevo monitorare l’andamento tiroideo in gravidanza per non rischiare di restare fuori dai canoni di “fisiologicità” previsti dal Centro Nascite. Però non ero seguita da internisti dell’ospedale. Seguivo le analisi che mi prescriveva il mio endocrinologo che non lavora al Sant’ Anna.
          Per il tuo problema non saprei. Devi parlarne bene con le ostetriche del Centro. Sono bravissime e molto disponibili, vedrai che trovano il percorso giusto anche per te.

          Rispondi
          • 25 settembre 2017 alle 14:30
            Permalink

            Ciao ti ringrazio della risposta. Molto gentile!

  • 17 settembre 2017 alle 22:03
    Permalink

    Ciao, complimenti per l’articolo! Hai descritto benissimo come ci si sente coccolati al Centro Nascita! Io ho partorito la mia primogenita il 15 ottobre 2016 con Silvia! È stata un’esperienza magica!

    Rispondi
    • 18 settembre 2017 alle 21:25
      Permalink

      Allora fra poco festeggi il primo anno da mamma…auguri!
      Io dico sempre che andare al Centro Nascite fa venire voglia di fare bambini..uno dietro l’altro!

      Rispondi
      • 18 settembre 2017 alle 22:18
        Permalink

        Grazieeee! Si è vero, ti invoglia a fare figli, e infatti quando arriverà il secondo abbiamo già deciso che, anche nel caso saremo dall’altra parte del mondo, voglio partorire di nuovo lì! Essendo stata ricoverata per un ascesso mammario un mese e mezzo dopo dal parto, ho provato cosa vuol dire stare nel reparto di fisiologia del Sant’anna, beh terribile, tutto quello che non ho subito al centro nascita me l’hanno fatto lì in cinque giorni, oltre alle mamme non seguite subito dopo il parto per avviare l’allattamento, lasciate allo sbaraglio, i bambini portati alle loro mamme dopo ore! Ragazze di Torino e non, vi consiglio vivamente il centro Nascita!!

        Rispondi
  • 25 settembre 2017 alle 18:49
    Permalink

    Meraviglioso, il mio precedente parto è stato altamente medicalizzato e vorrei sapere se secondo te con una pregressa placenta accreta , mi potrebbero seguire lo stesso…avrei proprio piacere e voglia di recuperare la naturalità del parto. Grazie mille

    Rispondi
    • 25 settembre 2017 alle 20:27
      Permalink

      Ciao Roberta, purtroppo non essendo ostetrica io non so darti una risposta però ti consiglio di chiamare senza esitazioni o paure le isteriche del centro e parlare con loro. Ti chiariranno ogni dubbio e sono sicura che cercheranno in ogni modo di venire incontro alla tua situazione!

      Rispondi
  • 31 ottobre 2017 alle 9:26
    Permalink

    Grazie per questa utilissima testimonianza! Ho una domanda: occorre fare un corso preparto specifico o va bene prenotarlo normalmente al Sant’Anna? Nelle prossime settimane andrò a informarmi di persona, spero di avere le caratteristiche giuste e di essere in tempo!

    Rispondi
    • 31 ottobre 2017 alle 18:24
      Permalink

      Ciao, sono felice che tu voglia seguire questo percorso. Sarà davvero una bella esperienza vedrai. Il corso preparto lo farai direttamente al Centro Nascita e te lo prenotano loro. In bocca al lupo!

      Rispondi
  • 17 aprile 2018 alle 14:33
    Permalink

    Ciao Valentina, grazie per questo articolo. Dopo averlo letto, ho contattato il centro per vedere se potrò partorire lì a luglio la mia bambina! 🙂

    Rispondi
    • 20 aprile 2018 alle 7:40
      Permalink

      Io, Maria Chiara, ti auguro con tutto il cuore di riuscire a fare con loro il percorso della gravidanza e partorire lì. È un’esperienza stupenda. E adesso goditi gli ultimi mesi di gravidanza e coccolati tanto!

      Rispondi
  • 26 aprile 2018 alle 21:13
    Permalink

    Ho fatto oggi la prima visita con Daniele… spero tanto che tutto vada bene e di riuscire a partorire lì ❤ della prima bimba ho dovuto fare induzione e ho fatto epidurale… stavolta vorrei andasse tutto più naturale…

    Rispondi
    • 26 aprile 2018 alle 21:50
      Permalink

      Anche io sono stata seguita da Daniele, ma poi ho partorito con Debora e Cinzia e sono stata seguita nel post parto da Lucrezia. Tutte e tutti fantastici! In bocca al lupo!

      Rispondi
  • 9 settembre 2018 alle 19:26
    Permalink

    Emanuele e’ nato al centro nascita l’ 1 agosto 2018… con Sara e Silvia! Sia quella notte che i giorni dopo li’ sono stati un’esperienza meravigliosa… reduce dal primo parto nel 2015 (lungo, indotto e con epidurale) stavolta è stato tutto bellissimo… loro sono state meravigliose..insieme a Daniele, Lucrezia, Giovanna e il resto del personale… sia io che il mio compagno che la mia bimba Alice, non dimenticheremo mai questo posto e le emozioni che ci ha dato! Non vi nego che quando siamo andati via ci siamo commossi ♡ grazie a tutti e lo consiglio sicuramente a tutte le future Mamme!!

    Rispondi
    • 15 settembre 2018 alle 20:47
      Permalink

      Sentire di queste magnifiche esperienze è un incoraggiamento per tutte le mamme. Grazie!

      Rispondi
  • 30 ottobre 2018 alle 21:08
    Permalink

    Valentina non potevi descrivere il centro nascita in parole più straordinarie di queste.
    Io mi son lanciata nel centro con tanti dubbi incertezze e paure, per casualità.
    Ho partorito il mio piccolo Mattia il 13 dicembre 2017 con Tiziana,è stato fantastica una mamma per me…ma son tutte stupende..
    Se sono riuscita ad allattare lo devo solo a loro, Debora Cinzia Daniele Silvia tutteeeee Lucrezia Lorella..
    È un piccolo mondo fatato e magico.
    Sottolineo che per me è stato il primo parto.
    Ve lo consiglio con tutto il cuore.
    Grazie ancora centro nascite.

    Rispondi
    • 31 ottobre 2018 alle 18:23
      Permalink

      È vero Federica, è un piccolo mondo fatato. E pensare che è pubblico e gratuito! La passione e la professionalità delle persone che ci lavorano rendono l’esperienza della gravidanza e della nascita uno dei momenti più belli della vita di una donna e di una coppia!

      Rispondi
  • 11 febbraio 2019 alle 14:47
    Permalink

    Scusate…sapete come funziona l’iter?quando e come prendere i contatti?ho provato a chiamare il numero che ho trovato sulla locandina ma nessuno risponde.
    Grazie

    Rispondi
  • 22 giugno 2019 alle 13:56
    Permalink

    Siamo una coppia felice! Il Centro Nascita ci ha seguiti dall’inizio, fino alla fine, in più, il parto è stato miracolosamente corto e indolore, tutto grazie alla professionalità del personale.
    Ringraziamo personalmente alla ostetrica Claudia, che è rimasta “attaccata ” tutto il periodo del parto, e non si è allontanata nemmeno per un secondo. Non possiamo non ringraziare anche a tutti perché sono stati gentili e disponibili, dall’accoglienza , sicurezza, igiene, confort, tutto. Per noi, essendo il primo figlio, anzi, figlia, è stato di grande aiuto. Eravamo molto inquieti, ma il loro sorriso, le parole, ci hanno rassicurati e dati la fiducia nelle proprie forze. Le tecniche mostrate sono state molto utili. La piccola Isha, nata il 11/06/2019, ore 02:30, tramite noi, ringrazia a tutti voi, e noi, Estat Jahan Asha , e Shahidul Islam siamo immensamente grati per tutto.

    Rispondi
    • 29 giugno 2019 alle 17:00
      Permalink

      Che bell’esempio di parto felice e facile. Complimenti a tutti voi e buona vita insieme!

      Rispondi
  • 20 luglio 2019 alle 16:12
    Permalink

    Ciao Valentina! Grazie mille per la testimonianza, grazie a te venerdì prossimo andremo a vedere la struttura 🙂 siamo di Vercelli e la gravidanza è alla 20esima settimana, poi una volta lì prenoteremo la visita, credo funzioni così se abbiamo capito bene.
    Volevamo guardare anche a Genova ma ci hai convinti con le tue bellissime parole.
    Domanda: si paga qualcosa per partorire lì oppure è gratuito? Grazie ancora!
    Andrea e Natalia

    Rispondi
    • 1 agosto 2019 alle 22:13
      Permalink

      Ciao Andrea e Natalia, scusate se rispondo con ritardo. Avrete già scoperto che la struttura è pubblica e non si paga un centesimo. Sembra incredibile ma la sanità pubblica italiana ha delle eccellenze come questo magnifico Centro Nascite, dove si è accolte, seguite, curate e coccolate in modo ottimo, puntuale, professionale e completo.

      Rispondi
      • 15 settembre 2019 alle 19:54
        Permalink

        Ciao Valentina! Siamo stati all’open day e ci è piaciuto tantissimo! Alla fine di questo mese andremo a fare la visita 😉 grazie davvero, aggiungeremo poi la nostra recensione dopo aver vissuto l’esperienza del parto al centro nascite. A presto!

        Rispondi
        • 18 settembre 2019 alle 0:07
          Permalink

          Ciao! Sono felice che vi sia piaciuto. E vedrete quando inizierete il percorso… vi verrà voglia di fare un figlio dopo l’altro 😉
          In bocca al lupo ragazzi!

          Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.